Questo sito utilizza i cookies per il funzionamento. Cliccando su Ok ne consenti l'utilizzo

Stampa questa pagina

Disegnare città più sicure

Mercoledì, 27 Maggio 2015 00:36

Le buone pratiche vengono dai luoghi più impensati. Seoul, Corea del Sud, ha ridotto del 32% l’anno gli incidenti stradali che vedono vittime bambini e ragazzi “semplicemente” ridisegnando le strade. L’esempio dimostra che la sicurezza si fa ripensando le strade, rendendole adatte a tutti gli utenti e non solo a quelli motorizzati.

 

La Settimana Mondiale della Sicurezza Stradale delle Nazioni Unite di quest'anno si è concentrata sulla sicurezza dei bambini. Secondo un rapporto del 2008 dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, il 21 per cento di tutti i decessi per incidenti stradali hanno coinvolto bambini e ragazzi sotto i 18 anni, indipendentemente dal fatto che vivessero in Paesi sviluppati o del cosiddetto Terzo Mondo.

 

Finora la discussione sulla sicurezza dei bambini nel traffico è stata condotta sui comportamenti da tenere, concentrandosi su questioni come il casco, le cinture di sicurezza e l’abuso di alcool. Intendiamoci, sono temi che hanno un impatto notevole e che non trascuriamo, ma da soli non sono sufficienti a rendere le strade veramente sicure. Paesi e città di tutto il mondo dovrebbero abbracciare un approccio sistemico sulla sicurezza stradale, che vada ben oltre le politiche di comportamento mirate e renda le città più sicure grazie anche alla progettazione.

 

 

Utilizzo dell’Urban Design per migliorare la sicurezza stradale

 

Il design di una strada urbana può contribuire grandemente a rendere le città più sicure. Misure di "moderazione del traffico" (come i dossi) e le caratteristiche del progetto urbano (strade strette, come in molte nostre città di origine medievale) possono rallentare i veicoli causando un beneficio per pedoni e ciclisti di tutte le età.

I bambini usano le strade in una varietà di modi, per passeggiate a piedi, in bicicletta, viaggiando in auto, o semplicemente giocando. Eppure, sono ancora più vulnerabili alle collisioni di traffico rispetto agli adulti visto il loro livello più basso degli occhi, visione periferica più stretta, minore capacità decisionale, e una spiccata tendenza per l'azione improvvisa. Quindi è particolarmente importante ridurre la velocità dei veicoli in aree che prevedono la presenza di bambini.

 

 

Il grafico mostra la relazione tra la velocità d'impatto e la probabilità di morte dei pedoni. Quando la velocità di collisione aumentano, possibilità di sopravvivenza pedoni si riduce drasticamente. (Fonte: Rosen e Sander 2009).

Una storia di successo di miglioramento della sicurezza stradale grazie ad una migliore progettazione proviene dalla Corea del Sud. Il numero dei decessi tra i bambini legati al traffico è diminuito del 95 per cento nel paese, da 1.766 nel 1988 a 83 nel 2012. Questo successo è il risultato diretto di una serie di progetti che hanno riguardato i regolamenti, l'istruzione e la costruzione delle città.

 

 

 

Questa strada stretta nei pressi di una scuola a Seoul ha una carreggiata, chiaramente indicata (zona di scuola - rallentare - 30 km/h) e un marciapiede protetto, creando così un ambiente sicuro per i bambini a piedi.

Uno dei progetti mirava a creare percorsi sicuri dalle case dei bambini per asili, scuole elementari e strutture per l'infanzia. I funzionari hanno iniziato riducendo i limiti di velocità, attraverso strumenti di progettazione di infrastrutture, come dossi. Hanno stabilito percorsi dedicati ai pedoni e creato una netta distinzione tra marciapiedi e strade. Sono stati anche installati segnali stradali e cartelli di limite di velocità a partire da 300 metri dalla porta principale di una scuola, e indicate chiaramente, come da immagine, le strade all'interno di zone di scuola in modo che i conducenti procedano con cautela. Infine, hanno vietato il parcheggio in strada sulle strade che portano alle scuole, riducendo la possibilità che veicoli e bambini vengano a contatto.

Le misure hanno portato a circa ridurre del 32 per cento annuo gli di incidenti stradali che coinvolgono bambini. Combinando il ridisegno delle strade con altre misure, quali migliori norme di sicurezza del traffico, potenziamento degli scuolabus e progetti di educazione stradale, la Corea ha ridotto con successo le sue vittime della strada del 95 per cento in poco più di due decenni.

 

 

Progettare Strade più sicure per tutti

 

Questo è il succo del discorso. Le strade devono essere sicure per tutti gli utenti e l’articolo dimostra che per avere strade sicure bisogna pensare strade sicure.

I successi di programmi come quelli della Corea del Sud, infatti, ci insegnano quanto una forte leadership sia in grado non solo di stabilire obiettivi ambiziosi, ma anche di acquisire gli investimenti, realizzare i programmi e generare di conseguenza risultati impressionanti.

Il buon esempio della Corea del Sud non è il solo. Città come Stoccolma, New York e Amsterdam hanno in opera azioni volte a migliorare la sicurezza stradale.

I Sindaci e gli amministratori, come i tecnici, delle nostre città dovrebbero prendere nota: se si pianificano e si progettano gli spazi avendo come priorità la tutela delle componenti più vulnerabili della società, le nostre città e le strade possono essere luoghi sicuri per tutti.

 

L’articolo è in gran parte tradotto da un testo inglese che trovare in originale a questo link.

Ultima modifica il Mercoledì, 27 Maggio 2015 00:46