Questo sito utilizza i cookies per il funzionamento. Cliccando su Ok ne consenti l'utilizzo

Stampa questa pagina

ECF: se la ciclabilità sta diventando importante in Italia è grazie a FIAB

Lunedì, 26 Settembre 2016 16:16

 

L'ECF pubblica sul suo sito le riflessioni dopo il rientro da Verona del Presidente Manfred Neun e del direttore sviluppo Kevin Maine. Si tratta di frasi lusinghiere sia del lavoro di FIAB che del clima nazionale in merito alla ciclabilità. Noi dal di dentro vediamo sempre il bicchiere mezzo vuoto, ma è innegabile che il vento sta cambiando e la bicicletta si sta affermando anche su tavoli e scrivanie dove fino a qualche anno fa non aveva diritto di cittadinanza.

 

Traduzione dell’articolo di Niccolò Panozzo (vedi originale in inglese pubblicato sul sito di ECF)

 

L'Italia ha finalmente alzato il livello nella sua partita per la ciclabilità - e CosmoBike , la più grande fiera della bicicletta in Italia, lo ha appena dimostrato. Con 60.000 visitatori in sette giorni di conferenze e mostre, CosmoBike ha mostrato a tutti quanto l'Italia possa ancora contribuire all'evoluzione e alla crescita dell’uso della bicicletta.

"Quello che sta accadendo in Italia non sarebbe stato possibile solo 4 anni fa", ha detto Kevin Mayne, direttore dello sviluppo di ECF, dopo aver partecipato alla fiera. "La ciclabilità sta tornando in cima all'agenda politica e Verona è l'esempio perfetto di ciò che può essere raggiunto: sono profondamente e positivamente impressionato da quanto la ciclabilità è migliorata qui e in Italia in generale. E se qualcuno può essere ringraziato per questo, è FIAB ".
In realtà, il lavoro del programma “Leadership”, finanziato dalla Cycling Industry Club, al fine di migliorare le attività di advocacy e le organizzazioni a livello nazionale, sta dando i suoi risultati. L'Italia è più vicina che mai all'approvazione di un Piano Nazionale in bicicletta; lo scorso anno oltre 90 mil € sono stati messi a disposizione per le infrastrutture legate al cicloturismo e il Club delle Aziende Amiche della Bicicletta (CIAB)   sta raccogliendo numerosi sostenitori. Quest'anno, centinaia di aziende private ed enti pubblici hanno aderito al progetto Bike2Work: tra queste, il gabinetto del primo ministro Renzi, lo staff dei neoleletti sindaci di Milano e Torino, Vincenzo Nibali, le Ferrovie dello Stato, ecc.

Questi non sono solo episodi singoli ma dietro c'è una storia. L'Italia è a un punto di svolta.

"La bicicletta è un mezzo di trasporto, e dovrebbe essere percepita e considerata come tale", ha detto Manfred Neun, Presidente di ECF, all’inaugurazione ufficiale della manifestazione. "In questa prospettiva, la ciclabilità deve essere considerata un pilastro nell'agenda delle autorità politiche di alto livello. Il fatturato economico dell’uso della bicicletta in ambito urbano può raggiungere in Europa i 5 miliardi di € l'anno. Lavoriamo insieme per sbloccare questa enorme opportunità ".

E per la prima volta in forse 20 anni, la risposta della politica a questi richiami è positiva. Paolo Gandolfi, deputato per il Partito Democratico ora al governo, ha promosso la ciclabilità per un decennio ed ora è pronto a spingere al livello successivo. "Vogliamo vedere un reale cambiamento nelle nostre città, il monopolio delle auto sulle nostre strade ha mostrato tutti i suoi difetti: ora abbiamo bisogno di impegno politico per cambiare questa situazione. O lo facciamo ora o saremo sempre in ritardo ".


Ultima modifica il Mercoledì, 05 Ottobre 2016 09:10