Questo sito utilizza i cookies per il funzionamento. Cliccando su Ok ne consenti l'utilizzo

Stampa questa pagina

Un decalogo per gli uffici regionali della mobilità ciclistica

Domenica, 13 Settembre 2015 23:07

Venerdì 11 settembre, nell’ambito della Fiera Cosmobike Show a Verona, si è tenuta la tavola rotonda  “Il ruolo delle Regioni nella Mobilità Ciclistica - Verso un Ufficio Nazionale ed Uffici Regionali per la promozione della Mobilità Ciclistica".

 

E' stato predisposto un documento di sintesi di questo incontro, un decalogo per gli uffici regionali della mobilità ciclistica.

 

"Diventerà il piano di azione di FIAB per i prossimi anni" dice Giulietta Pagliaccio, Presidente nazionale della FIAB, "e chiediamo ai nostri coordinamenti regionali di costruire contatti e collaborazioni positive con tutte le Regioni affinchè FIAB possa essere di stimolo e di ausilio per sviluppare iniziative utili su tutti questi temi con i vari assessorati coinvolti"

 

 

Decalogo per gli uffici regionali della mobilità ciclistica

“sintesi contenuti della conferenza”

 

E’ sempre più sentito il bisogno di attivare , in ogni Regione, un Ufficio Regionale per la Mobilità Ciclistica che provveda a gestire le seguenti aree di attenzione:

 

  1. Pianificatoria, coordinando i desideri e le azioni dei territori in una pianificazione territoriale e finanziaria pluriennale, che raccolga anche dati su incidenti, incremento di mobilità ciclistica e gestisca il SIT Sistema Informativo Territoriale della mobilità ciclistica e sicurezza

  2. Infrastrutturale, coordinando gli interventi progettuali – esecutivi ed i finanziamenti

  3. Ciclabilità urbana, promuovendo le zone 30, le reti ciclabili e finanziando opere conformi a manuali e Bici Plan locali

  4. Salute e prevenzione, promuovendo stili di vita attivi, sicurezza stradale, il benessere delle persone e riducendo la spesa sanitaria

  5. Assistenza agli Uffici Mobilità Ciclistica di ambito comunale, intercomunale, GAL, Partenariati, operatori privati e pubblici

  6. Cicloturistica, coordinando lo sviluppo della rete cicloturistica regionale e locale, la numerazione degli itinerari e la redazione della cartografie dedicate

  7. Promozionale dei territori verso i mercati ed i clienti nazionali ed internazionali; banche date sui flussi cicloturistici, marketing coordinato e prodotti turistici

  8. Dei servizi materiali, intermodalità e trasporto bagagli ed immateriali, siti web, marchi, brand, reti di impresa, club di prodotto

  9. Intermodalità con il treno, trasporto bici sui treni, accessibilità alle stazioni ferroviarie, ciclo stazioni, bike sharing sovra comunali

  10. Formazione generale per tecnici, operatori economici, politici e decisori

 

Nei prossimi giorni, nel sito FIAB Area Tecnica, pubblicheremo le relazioni della Tavola Rotonda.

Ultima modifica il Lunedì, 14 Settembre 2015 07:17