Questo sito utilizza i cookies per il funzionamento. Cliccando su Ok ne consenti l'utilizzo

Stampa questa pagina

Cresce l'uso della bici per andare a lavoro

Mercoledì, 29 Giugno 2016 14:27

 di Raffaele di Marcello

 

Che in Italia cresca la passione per le biciclette noi della FIAB lo sappiamo bene. E le nostre impressioni vengono spesso suffragate anche da studi che non provengono dal mondo dell'associazionismo.

 

Questa volta è la Confartigianato che evidenzia come le imprese che producono, riparano e noleggiano biciclette sono 3.043, danno lavoro a 7.815 addetti e, tra il 2013 e il 2016, sono aumentate del 2,8%. Un segmento di nicchia in cui dominano gli artigiani con 2.103 imprese e 3.936 addetti, concentrate soprattutto in Lombardia, Emilia Romagna e Veneto. Il fatturato del settore tocca 1,2 miliardie, nel primo bimestre 2016, la produzione è aumentata del 13,8%rispetto al 2015, un trend più che doppio rispetto al +6,6% registrato nell’Unione Europea.

 

La fotografia del settore, che unisce tradizione produttiva e innovazione tecnologica, è contenuta  in un rapporto dell’Ufficio studi della Confartigianato, per presentare l’esposizione di bici ‘Artibici’, organizzata il mese scorso a Milano nell’ambito della mostra ‘New Craft’ presso la Fabbrica del Vapore, una delle iniziative della XXI Triennale del Design.

 

 

Si tratta di un’altra tappa dell’impegno di Confartigianato per valorizzare questo patrimonio del ‘saper fare italiano’. I laboratori artigiani che producono biciclette realizzano ogni tipologia di due ruote: dai sofisticati ‘gioielli’ per conquistare i record mondiali, ai modelli per ogni tipo di specialità agonistica, fino alle innovazioni per l’utilizzo quotidiano. Una filiera produttiva famosa nel mondo di cui sono protagoniste proprio le piccole imprese che di ogni ‘pezzo’ della bici, dalla sella al pedale alle ruote, realizzano un piccolo capolavoro di manualità, ricerca, tecnologia.

 

Nell’Italia dei grandi campioni mondiali del ciclismo, la produzione e manutenzione di biciclette è un ‘fiore all’occhiello’ della manifattura artigiana made in Italy. Tanto che, segnala Confartigianato, nel 2015 il nostro export di biciclette ha totalizzato un valore di 617 milioni dieuro, con una crescita del 2,2% rispetto all’anno precedente della componentistica e con veri e propri boom di vendite nel Regno Unito (+17,8%) e negli Usa (+10,1%). Ed è la Francia, rivale storica dell’Italia nelle grandi sfide sportive sulle due ruote, il nostro maggiore acquirente: nel Paese d’Oltralpe esportiamo bici complete e componentistica per 100 milioni di euro, pari al 16,2% del nostro export. Seguono la Germania con 89 milioni (14,4%), Regno Unito con 57 milioni (9,2%) e Spagna con 46 milioni (7,4%).

 

Non soltanto sport e tempo libero: la bicicletta sta diventando il mezzo di trasporto preferito dai nostri connazionali per recarsi al lavoro. Dal rapporto di Confartigianato emerge infatti che nel 2015 sono 743.000 gli italiani, con una maggiore intensità tra i 45 e i 64 anni, che hanno scelto la bicicletta per andare al lavoro, con un aumento di 32.000 persone (+4,5%) rispetto al 2010. A spingere di più sui pedali per i trasferimenti casa-lavoro sono gli abitanti di Bolzano, con una quota del 13,2% degli occupati che usa la bici a questo scopo. Seguono l’Emilia Romagna, con il 7,8% degli occupati che va al lavoro in bicicletta, e il Veneto (7,7%). A favorire l’utilizzo della bici è l’aumento delle piste ciclabili: tra il 2008 e il 2015 in Italia la densità di pista ciclabile è cresciuta in media di 5,2 km per 100 chilometri quadrati. Ma a superare abbondantemente la media sono stati i comuni di Bergamo, Pordenone, Milano.

 

 

I dati completi del rapporto integrale Artibici 2016 “Bicicletta e artigianato: alcune tendenze sulla filiera di offerta e sull’utilizzo” possono essere scaricati dal sito di Confartigianato.

Ultima modifica il Mercoledì, 29 Giugno 2016 15:13