Questo sito utilizza i cookies per il funzionamento. Cliccando su Ok ne consenti l'utilizzo

Stampa questa pagina

Cosa serve al ciclista che viaggia in treno

Per sviluppare il sistema treno+bici servono infrastrutture e servizi per le biciclette all’esterno e all’interno delle stazioni ferroviarie:

 

- itinerari sicuri per raggiungere in bicicletta le stazioni;

 

- parcheggi per biciclette per la sosta breve nelle zone esterne;

 

- parcheggi per la sosta lunga, coperti e protetti contro i furti (ciclostazioni o velostazioni);

 

- rampe, canaline sulle scale, ascensori adeguatamente dimensionati, per superare con la bicicletta i dislivelli fra le diverse zone della stazione; tutto ben segnalato;

 

- marciapiedi ad altezza standard (550 mm sul piano del ferro) per l’accesso a raso ai treni.

 

- segnaletica di identificazione dei treni e delle porte di accesso per le biciclette;

 

- informazioni chiare e trasparenti sui servizi in stazione per i ciclisti; sulle prenotazioni, le tariffe e i biglietti per il trasporto delle biciclette sui treni (supplementi bici, abbonamenti, sconti per gruppi); sui treni che trasportano le biciclette (possibilità di filtrare sui siti delle imprese ferroviarie i soli treni con trasporto bici);

 

- spazi adeguati per le biciclette su ogni treno (non solo quelle pieghevoli o smontate e chiuse in una sacca, ma anche quelle complete); gli spazi bici devono permettere di bloccare le biciclette in modo sicuro e devono essere progettati tenendo conto che il ciclista spesso non è un giovane atleta, ma una persona normale, dotata di forza e agilità nella media; che le biciclette da cicloturismo spesso viaggiano cariche; che sono sempre più diffuse le biciclette a pedalata assistita , un po’ più pesanti delle normali biciclette.