Home Page

MESSAGGI INVIATI - Mailing List Fiab Notizie Interne


da: Mailing List Fiab Notizie Interne <stampa@fiab-onlus.it>
oggetto: [Fiab N.I.] "Bimbimbici", è conto alla rovescia


FIAB N.I. - Notizie interne e circolari
(comprende anche i messaggi della Mailing List FIAB e Dintorni)
==^=============================================================


BIMBIMBICI, E' CONTO ALLA ROVESCIA
LE DICHIARAZIONI DI FABIO MASOTTI, RESPONSABILE NAZIONALE BIMBIMBICI,
LUIGI RICCARDI, PRESIDENTE FIAB,
ROBERTO PIUMINI, TESTIMONE 2006 DI BIMBIMBICI


(Fabio Masotti, responsabile FIAB per Bimbimbici)
"Strade sicure per i bambini". Via le auto davanti le scuole". Bimbimbici 2006 si presenta con questo doppio slogan, che poi è un obiettivo preciso per la Federazione Italiana Amici della Bicicletta che organizza per il settimo anno questa manifestazione nazionale dei bambini e per i bambini.
Per prima cosa ringraziamo tutti i volontari che si sono impegnati per organizzare questa edizione di Bimbimbici, le amministrazioni comunali, davvero tante, che hanno aderito con entusiasmo alle nostre proposte, le associazioni del volontariato e le scuole che hanno promosso la manifestazione; e, ovviamente, tutte le associazioni FIAB che hanno risposto all'appello della Federazione.
All'interno di queste, tante, adesioni vogliamo evidenziare la presenza delle scuole. E' un dato, questo, che ci riempie di gioia, perché in un certo senso si può leggere come il frutto di un lavoro educativo in cui crediamo fermamente e che ci vede impegnati, come associazioni FIAB, in tante città.
Ringraziamo le associazioni che hanno aderito ( Arciragazzi, Associazione Italiana Città Ciclabili, Camina, Cittaslow, Federazione Italiana Medici Pediatri, Medici per l'Ambiente) e chi ha voluto patrocinare Bimbimbici 2006 ( Ministero dell'Istruzione, Coni, Federazione Ciclistica Italiana); la Banca Monte dei Paschi di Siena e all'UNIPOL che hanno contribuito alla riuscita dell'iniziativa. Un caldo saluto, infine, a Roberto Piumini, conosciuto scrittore per bambini, che ha accettato l'invito rivoltogli dalla FIAB di essere testimone di questa edizione 2006.
Fino ad ora le realtà locali che promuovono Bimbimbici sono 138. Un numero straordinario, il più alto da quando Bimbimbici ha iniziato la sua avventura, che ci rende felici e che ci ripaga del lavoro e dell'impegno di tutta la nostra Federazione e delle singole associazioni locali. Se noi analizziamo la dislocazione di queste realtà, possiamo notare che tutta l'Italia è rappresentata - dal nord al sud alle isole - e che Bimbimbici è riuscita a coinvolgere con i suoi obiettivi i grandi centri come i comuni più piccoli. Questa non è una novità, ma quest'anno la dimensione così eterogenea delle adesioni ci porta a dire che gli obiettivi che stanno alla base della nostra iniziativa - strade sicure per i bambini - sono così trasversali che possono vincere le resistenze di chi continua a voler proporre la mobilità come un tema che riguarda solo la mobilità motorizzata
Rispetto alle precedenti edizioni Bimbimbici 2006 presenta una novità significativa. L'iniziativa "TOGO By Bicycle", unitamente al "Club Bimbimbici", propone un momento di solidarietà con gli abitanti di un villaggio del Togo. Quest'anno ai bambini che partecipano alla manifestazione viene chiesto 1 euro. In cambio ricevono la spilletta del "Club Bimbimbici" e contribuiscono così al progetto "TOGO By Bicycle" (al quale la FIAB devolverà tutto l'utile della vendita delle spillette) che si propone l'obiettivo di attivare un'officina di meccanici per biciclette e di incentivare l'acquisto di bici a "prezzi politici" utili per raggiungere più facilmente località dotate di ospedali e altri servizi sociali. La FIAB si augura che l'adesione dei bambini e delle famiglie sia entusiasta e che questa finalità solidale ottenga uno straordinario successo.

Un ‘ultima considerazione. Bimbimbici 2006 corona definitivamente il successo di questa iniziativa FIAB e soprattutto evidenzia l'assoluta condivisione di tante realtà, associazioni, amministrazioni comunali intorno alle proposte di una mobilità più sicura e meno inquinante in cui tutti gli utenti della strada, e in primo luogo i bambini, possano riconoscersi. Rivedere in profondità l'attuale sistema di mobilità urbana basato essenzialmente sulla mobilità motorizzata è una necessità non più procrastinabile, così come non più rinviabile è rendere le strade delle nostre città più sicure per tutti.
Bene, all'interno di questa "rivoluzione copernicana della mobilità", pensare a "percorsi sicuri casa- scuola" è un obiettivo che Bimbimbici si pone fin dalla sua prima edizione e che in molte realtà, anche in conseguenza di Bimbimbici, è stato raggiunto. La FIAB guarda al futuro con grande ottimismo e si impegna affinché la mobilità all'interno delle nostre città possa, nel futuro, essere ridisegnata con uno spirito solidale in cui tutti gli utenti della strada risultino fruitori degli stessi diritti di spostarsi in sicurezza.
Con questa speranza auguriamo un felice Bimbimbici a tutti i bambini e a tutte le famiglie che vorranno essere con noi il 7 maggio lungo le strade delle città italiane.


(Luigi Riccardi, presidente Federazione Italiana Amici della Bicicletta - FIAB onlus)
Nel 2000, quando si è svolta la prima edizione di Bimbimbici, avevano aderito 38 realtà locali. Ad ogni successiva edizione, si è avuta una costante, graduale crescita. Anche quest'anno vi è stata un aumento passando dalle 123 realtà del 2005 alle 138 realtà odierne. Segno evidente che l'iniziativa di Bimbimbici è indovinata e che, soprattutto, anche nel nostro Paese, va crescendo la sensibilità e l'impegno per garantire alle nuove generazioni la possibilità di muoversi nei centri urbani in autonomia in un contesto di traffico più umano.
Del resto, la possibilità per i bambini di circolare, a piedi e in bicicletta, in modo sicuro e autonomo, costituisce un preciso indicatore di qualità e di benessere urbano per tutti i cittadini.
La FIAB ritiene che il nuovo Governo nazionale debba tenere conto di questa domanda che viene dal basso predisponendo, finalmente, un piano generale della mobilità ciclistica per indirizzare, sostenere e compartecipare economicamente le iniziative delle Regioni e degli Enti locali in materia di mobilità sostenibile e ciclistica in particolare.

(Roberto Piumini, ospite d'onore di Bimbimbici 2006)
"Sono stato recentemente nel delta del Po, con amici grandi e piccoli" ha testimoniato Roberto Piumini "è evidente che Dio ha creato il Delta del Po per andarci in bicicletta: invece eravamo costretti a pedalare ansiosamente sul ciglio della strada, proteggendo I bambini col nostro corpo, mentre accanto passavano macchine, il cui 25% rallentava e s'allargava, il 25% si allargava ma non rallentava, il 25% non si allargava e non rallentava, il restante 25% non si allargava, non rallentava, e suonava il clacson con fastidio e ira. Il mio pronipotino Ugo pedalava coraggiosamente accanto al bordo, col casco verde di traverso, fiducioso in se stesso e nel mondo, mentre io e suo padre ci alternavamo a proteggerlo. Che dire? La creazione tradita, la civiltà mancata, come diceva Rousseau. Fate qualcosa per Ugo, e per i cittadini futuri."




==^=============================================================
FIAB - FEDERAZIONE ITALIANA AMICI DELLA BICICLETTA onlus
Presidenza, Direzione e Amministrazione: Via Borsieri, 4/E - 20159 Milano tel. 02-60737994 fax 02-69311624
Segreteria: Via Col di Lana, 9/a - 30170 Mestre (VE)tel./fax 041-928162
e-mail: info@fiab-onlus.it - Internet: http://www.fiab-onlus.it

aderente a ECF - European Cyclists' Federation www.ecf.com , COMODO, Confederazione Mobilità Sostenibile.
riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente quale associazione di protezione ambientale (art. 13 legge n. 349/86) e dal Ministero Lavori Pubblici quale associazione di "comprovata esperienza nel settore della prevenzione e della sicurezza stradale"
==^=============================================================

allegati:            



Torna alla lista dei messaggi inviati (Mailing List Fiab Notizie Interne)

Home Page