Weblogic

banner salva

Home la campagna la campagna e vi dichiaro marito e moglie ...
e vi dichiaro marito e moglie ... PDF Stampa E-mail

s trainIl matrimonio fra trasporto pubblico e bicicletta

Sull'interessante sito della nostra federazione europea ECF uno dei temi focalizzati è il connubio vincente fra trasporto pubblico e bicicletta. Ne parla Julian Ferguson, responsabile della comunicazione per la European Cyclists' Federation,  a cui anche noi aderiamo come Fiab.

Il pezzo analizza quello che è ancora oggi uno dei punti deboli del trasporto pubblico, rispetto all'auto: non offre spostamenti da porta a porta. E qui gioca il suo ruolo essenziale la bicicletta, che permette di muoversi da casa alla stazione, fermata di metro o del tram, e poi alla discesa di proseguire pedalando fino al posto di lavoro, a scuola etc.
Ma per far fiorire questa nuova opportunità di mobilità sostenibile servono delle scelte: far salire e viaggiare le bici sui mezzi di trasporto urbano e suburbano soprattutto su ferro; oppure mettere a disposizione parcheggi agli snodi di salita e discesa. O ancora meglio fare entrambe le cose.
Gli esempi di successo non mancano, illustrati in parole ed immagini.

La storia d'amore da noi assume rapidamente un tono manzoniano: questo matrimonio non s'ha da fare.
Leggiamo di orari ferroviari sul web che non visualizzano più il trasporto bici dei treni regionali. Addirittura un balzo indietro nei secoli bui. Sappiamo da anni che le possibilità reali di intermodalità bici+treno sono fasulle per l'uso quotidiano, problematiche per l'uso occasionale od escursionistico, inesistenti sulla lunga percorenza. Ci torna alla mente di una moderna tramvia fiorentina che prevedeva appunto il trasporto bici, e che ha perso proprio questo pezzo con l'entrata in esercizio.
Osserviamo spesso grandi ristrutturazioni di stazioni che ignorano completamente l'intermodalità con la bicicletta: niente parcheggi , niente accessibilità  delle pensiline, barriere architettoniche. Si arriva persino a peggiorare situazioni pre-esistente un po' precarie ma funzionanti, eliminando rastrelliere e spazi per le bici.

Europa felix, Italia dolens?

 

Why we’re going to the

International Transport

Forum

Marrying Cycling and

Public Transport

(Monday, April 30)

The Rise of Bike

Share Schemes

(Thursday, May 2)

Counting on the Cargo

Bicycle

(Friday, May 3)

 
Share

noi Fiab nella campagna #salvaiciclisti e non solo

Più bici nelle nostre città, c'è da smuovere istituzioni e politica:

entra in Fiab

I soci Fiab ricevono il bimestrale incluso nella quota associativa annua.

rivista BC

E' anche possibile abbonarsi, per es. da parte di enti ed istituzioni o facendone un regalo a persone, biblioteche, circoli, studi medici, associazioni etc.


Molto altro su FIAB

con un click al sito principale, un vero portale della bicicletta, recentemente rinnovato, e da lì alle varie aree dedicate alla scuola, alle soluzioni tecniche per la ciclabilità etc.


Ci puoi sostenere destinando a Fiab il 5x1000 nella dichiarazione dei redditi

5x1000

foto sulla bicifestazione dei Fori Imperiali, 28 aprile 2012, scatti di A. Scagni, clicca sotto:

scagni


spazio web curato da Valerio Parigi

per proposte, idee, osservazioni: salvaiciclisti@fiab-onlus.it